NEWS RUGBY TRENTO

Serie C1 – Trento vs Frassinelle

Il Trento rugby, con una prestazione quasi perfetta, si impone per 48 a 21 sul Frassinelle e balza al terzo posto in classifica. Una domenica entusiasmante, nonostante la pioggia, con tante mete ed un bel rugby espresso da entrambe le formazioni scese in campo. La cronaca dell’incontro vede una meta del Frassinelle dopo appena cinque minuti  per una distrazione difensiva delle linea veloce trentina; al  min. 8 il Trento  va a segno con Max Ruocco tr. da Emmanuel Cantonati, al min. 15 ancora un cp di Cantonati, ai min.  25 e 27 mete di Mattia Benatti e Nicola Sboner. Allo scadere del primo tempo una meta del Frassinelle riapre l’incontro ma è ancora Emmanuel Cantonati (chirurgico ai pali con un 100%) a chiudere la prima frazione di gara 27 a 14 per i padroni di casa.

La ripresa si apre con una meta tecnica del Frassinelle dopo circa 20 minuti di gioco nei ventidue trentini. Gli ospiti sembrano  galvanizzati dalla segnatura  ma il Trento aumenta il ritmo di gioco evitando pause e soprattutto errori banali commessi in altre gare e riesce a portare l’ovale oltre la linea di meta due volte con Nicolò Panza ed ancora con Nicola Sboner (man of the macht).

“Sono molto soddisfatto della prova di forza dei ragazzi” commenta coach Soldani al termine della gara. “Nelle ultime partite abbiamo sicuramente pagato i campi pesanti che non agevolano il nostro gioco ma soprattutto, oggi, siamo stati più maturi nel gestire la gara continuando a spingere fino alla fine. Voglio fare i complimenti a tutti i giocatori ed in particolar modo a quelli entrati dalla panchina che hanno saputo dare una spinta ulteriore sul finale di partita. Un plauso, infine, al giovane pilone Andrea Della Sala che, nella sua prima stagione  in un campionato impegnativo come il nostro, sta dimostrando tanta voglia di migliorare mettendosi a disposizione del gruppo, carpendo ogni piccolo consiglio dai più esperti  e dal coach degli avanti Cocco Fraccaroli. Ora, nonostante il terzo posto, bisogna rimanere umili e  giocare ogni partita come una finale per cercare di toglierci ancora altre soddisfazioni “